lunedì 28 ottobre 2013

Intervista ad Andrea Fontana. "ENEL Black Power: chi tocca muore"

                         
Navigando per il web ci siamo imbattuti in un'inchiesta dal titolo intrigante, sebbene    polemico,  arrivata al momento giusto, e cioè proprio a ridosso della messa in atto da parte del governo di    una serie di misure che andavano a spegnere gli incentivi al fotovoltaico nel nostro paese.
"ENEL Black Power : chi tocca muore" è un libro che ha il merito di essere breve ma denso. Una sorta di bignami per chi abbia voglia di aprirsi un varco attraverso la sistematica disinformazione a cui siamo sottoposti in Italia  nei mezzi tradizionali di divulgazione delle notizie.

Ci è venuto spontaneo conoscere l'autore, e scambiare con lui alcune impressioni sui temi trattati nel libro e
su ciò che il futuro riserva al nostro paese in termini di rinnovabili.

Andrea Fontana complimenti per la sua inchiesta. Quali sono stati gli aspetti più significativi che emergono dal suo libro, per chi dovesse avere solo un minuto di tempo per farsene un'idea?
"La mancanza di una politica energetica nazionale, le informazioni distorte offerte all'opinione pubblica, lo scandalo del CIP6 che ha finanziato i grandi inquinatori con i soldi chiesti ai cittadini per promuovere lo sviluppo delle fonti rinnovabili, ma anche lo straordinario risultato di oltre 500.000 impianti fotovoltaici installati in pochi anni. L'inizio di una rivoluzione energetica che potrebbe risollevare le sorti di un Paese malgovernato. Basterebbe non ostacolare piccoli imprenditori dotati di grande volontà e valorizzare anche in questo campo ricercatori ed eccellenze che non mancano. Invece siamo in balia dei poteri costituiti e dei colossi energetici di casa nostra che hanno sempre tenuto in mano il pallino, sia durante il periodo degli incentivi sia dopo. Nel libro, per esempio, si denuncia il sospetto che le bozze dell'ultimo Conto Energia non provenissero dal ministero, ma da dipendenti Enel. Un fatto gravissimo, passato sotto silenzio. Come se non bastasse, l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) è guidata da personaggi con importanti trascorsi professionali nell'ex azienda monopolista.”

Non ha avuto problemi nel chiamare in causa così direttamente un colosso come ENEL?
"Quando nel 2011 ho capito che in Italia si stava cercando di ostacolare in modo subdolo l'avanzata delle risorse rinnovabili, mi sono chiesto chi fossero i responsabili. Tutti rispondevano: i poteri forti, che non significa niente. Ho voluto dargli un nome. Ho scelto Enel perché è una delle aziende più coinvolte e quella che cerca di mascherare dietro la facciata di Enel Green Power, che opera prevalentemente all'estero, una produzione altamente inquinante con vecchie centrali a carbone. Certamente non è l'unica. La lobby dei fossili è molto più ampia e vanta appoggi importanti bipartisan. Credo, e mi auguro di non sbagliare, che si stia parlando di dinosauri destinati all'estinzione, sia sul fronte energetico, sia su quello politico. La strada è segnata, ma sarà ancora lunga, anche da un punto di vista culturale. Le faccio un esempio: nel libro ho voluto mettere in evidenza anche aspetti positivi e parlare dell'evoluzione tecnologica in corso. Mi sarebbe piaciuto capire di più sugli accumuli, soprattutto sulle batterie al sale di FIAMM e sulle reali possibilità di integrazione con i sistemi fotovoltaici. I responsabili dell'azienda vicentina, quando hanno saputo il titolo dell'inchiesta si sono rifiutati di parlarmi perché Enel è uno dei loro clienti più importanti.”

E' passato un po' di tempo dall'uscita della sua inchiesta, eppure già all'interno si accennava al problema dei SEU e dell'attesa di chiarimenti da parte dell'AEEG. E' ancora questo il nodo principale per liberare per sempre il fotovoltaico dagli incentivi o sono emersi nuovi temi caldi nel frattempo?
“Gli incentivi, fortunatamente, non ci sono più. Le detrazioni fiscali vanno lette in un'altra ottica, servono per dare un po' di ossigeno a un'economia asfittica. Una normativa chiara, seria e non penalizzante dei SEU e dei RIU permetterebbe di dare nuovo slancio al settore e avviare realmente un nuovo paradigma energetico basato sulla generazione distribuita, senza incentivi in bolletta e senza incidere sulle casse dello Stato. Chiaramente la liberalizzazione dei Sistemi Efficienti d'Utenza e delle Reti Interne d'Utenza renderebbe più veloce l'estinzione dei dinosauri e da qui, temo, nascono i tentennamenti dell'Authority. Anche i sistemi d'accumulo potranno dare un importante contributo, ma penso ci sia bisogno ancora di parecchia ricerca e di contributi economici importanti.”


Due parole su un paio di argomenti che non sono toccati nel libro ma che rivestono oggi temi di interesse per gli addetti ai lavori: il cosiddetto Mercato Secondario e le Manutenzioni.
“Se per mercato secondario intende l'acquisto e la gestione di impianti già realizzati e incentivati sono d'accordo. Soprattutto a fine 2010, grazie al decreto Salva Alcoa, sono stati realizzati frettolosamente molti impianti che potrebbero rendere molto di più con pochi interventi e la sostituzione di qualche componente scadente. Una corretta manutenzione, poi, è fondamentale e si ripaga da sola. Basta lavare i pannelli due volte all'anno per avere incrementi di produzione nell'ordine di qualche punto percentuale. L'aspetto più importante, però, secondo me  è un altro. Infiltrazioni malavitose e mafiose nel settore ce ne sono state, così come molte irregolarità. Campi fotovoltaici da svariati MW intestati a società differenti, ma riconducibili alla medesima proprietà. Questi impianti potrebbero essere confiscati, dati in gestione a società pubbliche, con l'obbligo di reinvestire nella ricerca il 50% degli incentivi che intascheranno ogni anno.”

Merita una nota certamente il capitolo dedicato a Marino Piasentà e alla sua invenzione che porta i rendimenti delle pompe di calore a valori mai raggiunti prima. Quali sono le sue impressioni su questa realtà?  
“Mi stupisco che se ne parli così poco. Quando sottolineavo di esempi positivi mi riferivo soprattutto al sistema eliotermico FEE brevettato da Piasentà e al velivolo SolarImpulse. L'aereo che vola giorno e notte alimentato esclusivamente da energia solare è sicuramente più spettacolare e aprirà nuovi orizzonti anche nel campo della mobilità sostenibile, ma l'impianto ideato da Marino, in grado di assicurare riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria a costi irrisori e senza alcuna combustione, è una realtà che può modificare da subito i nostri impatti ambientali e rilanciare il Made in Italy nel mondo. Ho già detto in altre occasioni che candiderei Marino Piasentà al Nobel perché sono convinto che la vera innovazione arrivi da chi è capace di portare sul mercato, con le tecnologie esistenti, qualcosa che contribuisca realmente a tutelare l’ambiente, a spendere meno, a migliorare la qualità della vita.”


L’inchiesta si chiude con alcune posizioni legate al piano energetico da parte di esponenti politici come il PD ed il M5S. Cosa ha visto nel panorama politico attuale che va incontro o smentisce le idee con cui si è confrontato durante le sue interviste.
"L'unica novità è rappresentata dall'ingresso massiccio del M5S in Parlamento. Apparentemente stanno incidendo poco, ma credo sia presto per esprimere un giudizio definitivo e bisogna tenere conto che anche i media tradizionali sono dinosauri legati a doppio filo alle lobby dei fossili e alla vecchia politica. Nessuno dice per esempio che Enrico Letta e Matteo Renzi fanno entrambi parte di Vedrò, il think-tank bipartisan voluto dall'attuale presidente del consiglio, che ha come sponsor principale Enel. La conseguenza è che sui mezzi d'informazione mainstream il fotovoltaico è quasi accusato di aver generato la crisi economica, proprio quando la questione politica più importante sul tappeto sarebbe quella di scegliere, come ha recentemente sottolineato il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini, se fermare il cambiamento in atto, perchè sta mettendo in crisi i grandi gruppi energetici e di conseguenza il sistema bancario e di potere, o portare fino in fondo una sfida radicalmente diversa, basata sul concetto di generazione energetica distribuita e quindi incontrollabile per alcuni. 
Ne approfitto per sottolineare un’iniziativa di Davide Crippa, ingegnere eletto per il M5S che nell’audizione del 10 ottobre sulla Strategia Energetica Nazionale ha sollevato una questione sui contatori digitali di Enel: il governo italiano non ha mai stabilito come debbano avvenire i controlli di routine previsti dalla legge sui contatori dell’energia elettrica; di fatto i cosiddetti contatori “intelligenti” sono apparecchi non omologati scrupolosamente, mai verificati da un ente terzo incaricato dallo Stato, certificati solo su base volontaria dall’ “IMQ” (Istituto Italiano del Marchio di Qualità), spesso marchiati con un “CE” identico nella grafica al marchio “China Export” che solleva più di un dubbio sulla loro conformità alla legislazione europea.
Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha dovuto ammettere che regna una certa anarchia in proposito perché la legislazione è lacunosa. 
Trovo sconcertante apprendere che non esista alcuna garanzia sulla correttezza delle letture di 32 milioni di contatori che dovrebbero rappresentare il fiore all’occhiello del settore e potrebbero essere utilissimi nel passaggio verso le smart-grid."

Ringraziamo Andrea Fontana per la disponibilità. Per chi fosse interessato ad approfondire i temi legati all'inchiesta suggeriamo questo link : www.solarimpulse.it 
In effetti gli argomenti affrontati fanno addirittura supporre che tra poco possa uscire anche un secondo volume dell'inchiesta: ci troviamo in un momento cruciale ed interessantissimo per ciò che riguarda la nostra politica energetica, e quindi il nostro futuro.

copyright-Lux Energia


0 commenti:

Posta un commento

 

INDIRIZZI

Sede MILANO

Via Ugo Foscolo, 40
Cologno Monzese
20093 (MI)
Italy

.

Sede PIACENZA

Via Trento, 12
Calendasco (Loc. Ponte Trebbia)
29010 (PC)
Italy

.

Sede LEGALE

Via Cavour, 2
Monza
20900 (MB)
Italy

Powered by lcDesign